IL MONFERRATO DI MONDO: UN MONDO DI ECCELLENZE Il Monferrato e la piana del Po
MONFERRATO DOMANDA e OFFERTA

Concorso enologico il Torchio d’oro Al via la XXVII edizione

Concorso enologico il Torchio d’oro  Al via la XXVII edizione

L’Assessorato all’Agricoltura del Comune di Casale Monferrato organizza anche quest’anno, in collaborazione con l’Istituto Luparia di San Martino di Rosignano, il concorso enologico il “Torchio d’Oro” , giunto alla sua ventisettesima edizione.

L’appuntamento, che si svolge dal 20 marzo al 31 maggio 2019, è una competizione prestigiosa, la cui gestione è demandata ad un apposito Comitato Organizzatore e il cui regolamento è approvato dal Ministero delle Risorse Agricole e ha come obbiettivo fondamentale “il miglioramento qualitativo della viticoltura e della vinificazione e la valorizzazione dei vini migliori, favorendone la conoscenza, l’apprezzamento e la contrattazione”.

Le aziende interessate a partecipare potranno ricevere maggiori informazioni contattando il numero 0142 444305 e la mail uff-agri@comune.casale-monferrato.al.it.

Il regolamento, redatto dal Comitato Organizzatore, prevede che ogni azienda partecipi con 4 bottiglie da 750 c.c. per ciascun tipo di vino. I campioni saranno prelevati dagli incaricati dell’Istituto Luparia, sede associata dell’Istituto Leardi di Casale Monferrato.

Entro il mese di maggio sarà organizzata la giornata di degustazione, ad opera di Commissioni composte da enologi, enotecnici ed esperti del settore, unitamente ai rappresentati delle organizzazioni sindacali agricole, che valuteranno i vini delle aziende partecipanti a cui seguirà la premiazione in data e luogo in via di definizione.

Anche quest'anno, per dare maggiore visibilità al Concorso, alle aziende partecipanti, verranno attribuiti dei punteggi prioritari per poter partecipare con uno stand di vendita alla Festa del Vino del Monferrato 2019.

Commenta il vice sindaco e assessore all’Agricoltura Angelo Di Cosmo: «Questo prestigioso concorso, che riproponiamo da oltre un quarto di secolo, fa parte della nostra storia e come tale va custodito e preservato come impulso al miglioramento della qualità dei vini. Con orgoglio possiamo affermare che le etichette proposte negli anni dai produttori disegnano fedelmente il vasto scenario produttivo del settore viti-vinicolo che racchiude al suo interno sapienza, lavoro rigoroso, tradizione e cultura contadina».