IL MONFERRATO DI MONDO: UN MONDO DI ECCELLENZE Il Monferrato e la piana del Po
MONFERRATO DOMANDA e OFFERTA
Comune Moncalvo

Marito e moglie (ossia cani e gatti) di di Eduardo Scarpetta. Regia di Antonio Giuliano. I MELANNURCA

 Marito e moglie (ossia cani e gatti) di  di Eduardo Scarpetta. Regia di Antonio Giuliano. I MELANNURCA

Commedia comica di Eduardo Scarpetta, sorprendentemente la più attuale dopo oltre un secolo..Fu rappresentata per la prima volta nel lontano 1901 ed è doveroso dire che l’autore, come di consueto, ha creato questa Farsa, ispirandosi ad alcuni originali francesi di Alexandre Bisson come “Les surprises du divorce” (1888), “Les erreurs du mariage” (1896) e soprattutto, “Jalouse” (1897). Eduardo de Filippo ne fece una sua riduzione e la portò a Roma al Teatro Eliseo nel 1970. La versione cinematografica del 1952 ebbe protagonista Titina De Filippo a fianco di Umberto Spadaro.

Ed è nel pieno rispetto dello spirito del testo originale, che il copione è stato riadattato e riscritto con tempi comici più serrati, conservandone la verve dell’autore. Trama: Il fresco matrimonio di Gemma e Felice è turbato dall'eccessiva gelosia di lei che logora, senza tregua, il rapporto, creando in casa un'atmosfera di continua tensione. I due decidono di mettere al corrente dei loro litigi i genitori di Gemma: Ferdinando e Virginia. Questi, venuti a sapere della possibile separazione, decidono di fingersi “cani e gatti” e litigare continuamente per dimostrare alla coppia come l'acredine possa minare le basi stesse dell'unione, distruggendone l'armonia.Tra risse verbali vere o fasulle si inseriscono vari personaggi: Luigino, che vuole sposare Fifì sempre accompagnata dal padre Don Michele Polpetta; Donna Margherita, corteggiata da Camillo ma che fa gli occhi dolci a Don Ferdinando; Vittorio e il suo tic molto eloquente e sua moglie Amalia strabica; infine i camerieri dispettosi; Sisina, Pasquale e Bettina. La farsa, che ha una solida cornice di leggerezza, scandaglia le dinamiche universali dei sentimenti unite alle problematiche del rapporto di coppia attraverso una galleria di personaggi pittoreschi e giochi di parole resi impareggiabili dalla vivace cadenza partenopea.  Una pièce via via sempre più esilarante, con un susseguirsi di equivoci e situazioni imbarazzanti fino ad un epilogo di “apparente” armonia familiare.

La vendita dei biglietti singoli sarà effettuata solo il giorno stesso presso la cassa del teatro a partire da un’ora e mezza prima dell’inizio dello spettacolo.

 

E’ possibile prenotare i posti dal martedì alla domenica mattina, dalle 9,30 alle 12,30, telefonando presso la Drogheria Broda di Moncalvo al numero 0141917143 oppure, solo per informazioni o urgenze, ai numeri 01411720695 e 3738695116, dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 17,30, o inviando un email a info@arte-e-tecnica.it.

Lo spettacolo è organizzato in collaborazione con il circuito Piemonte dal Vivo e Comune di Moncalvo, il contributo di Fondazione CRAT e CRT e la sponsorizzazione della Cassa di Risparmio di Asti.