IL MONFERRATO DI MONDO: UN MONDO DI ECCELLENZE Il Monferrato e la piana del Po
IN EVIDENZA
monferrato 

Quella volta di un Marchese del Monferrato a Venezia

Oggi si celebrano i 1600 anni dalla fondazione di Venezia: la leggenda infatti fa risalire al 25 marzo 421 il momento della posa della prima pietra della chiesa di San Giacomo di Rialto (San Giacometto). La lunga storia della Serenissima ha avuto alcuni momenti di contatto con le vicende del Monferrato: uno di questi risale alla prima metà del XV secolo.
 
Siamo infatti nel 1430 quando il Marchese di Monferrato Gian Giacomo Paleologo, alla ripresa dei conflitti tra Milano e Venezia, si schiera al fianco della Serenissima. La guerra volge però presto in suo sfavore e l’anno successivo le truppe del Duca milanese Filippo Maria Visconti, guidate in parte dal capitano Francesco Sforza, conquistano ampie porzioni dell’Alto e Basso Monferrato, arrivando fino a Casale Monferrato. Gian Giacomo si vede costretto a chiedere aiuto ad Amedeo VIII di Savoia, impegnandosi a cedergli alcune porzioni di territorio monferrino al termine del conflitto con Milano - non sapendo che Amedeo aveva stipulato un patto segreto proprio con i lombardi per una loro spartizione del Monferrato.
 
Per cercare di ottenere una pace onorevole col Visconti, Gian Giacomo si reca a Venezia, dove viene accolto con benevolenza dal doge Francesco Foscari, grazie al quale verranno dichiarate illegittime le conquiste in Monferrato ad opera dei lombardi e dei Savoia. Le clausole del trattato di pace vengono pressoché rispettate dal Visconti, mentre Amedeo di Savoia, forte dell’impegno stipulato da Gian Giacomo, riesce comunque a mantenere una parte importante di terre monferrine.
 
 
- - - - -
 
Fonti ed approfondimenti: “Storia del Monferrato” del Circolo Culturale I Marchesi del Monferrato; voce “Giangiacomo Paleologo” in Treccani; Wikipedia.
 
Foto di Peggy Choucair da Pixabay
TAGS
veneziavenezia 1600