IL MONFERRATO DI MONDO: UN MONDO DI ECCELLENZE Il Monferrato e la piana del Po
Il Monferrato dell'Unesco - Blog
Il Monferrato dell'Unesco

Gran Tour del Monferrato promosso da Mon.D.O.

Un folto gruppo di giornalisti, guide turistiche ed operatori del settore ha partecipato, sabato scorso, allo speciale “Monferrato Gran Tour” gratuito organizzato dal Consorzio Mon.D.O. con il Gruppo Stat, i Comuni facenti parte del riconoscimento Unesco in Monferrato e l’Ecomuseo della Pietra da Cantoni.

Si è trattato di un vero e proprio educational tour per gli addetti ai lavori, tipologia di appuntamento periodicamente  allestito da Mon.D.O. (Monferrato Domanda Offerta), mirato  soprattutto per   operatori esterni al nostro territorio  per diffondere sempre di più la conoscenza delle opportunità del Monferrato nel campo turistico.

In questa occasione gli ospiti hanno potuto provare l’esperienza della scoperta del più giovane riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità italiano in autobus con audio guida multilingue, opportunità analoga a quella rivolta ai turisti in visita al territorio fino al termine dell’Expo di Milano con i tre tour giornalieri organizzati il sabato e la domenica da Stat fino al 1 novembre.

 

Proprio a proposito dei testi delle audio guide, realizzati dagli studenti e dai docenti dell’Istituto Superiore Balbo di Casale Monferrato e contenenti descrizioni dei vari borghi monferrini, si segnala che possono essere consultati liberamente sul novo mini-sito www.ilsognodialeramo.it, oltre che in italiano anche in inglese, tedesco, spagnolo e francese, rappresentando un pratico supporto a chi voglia visitare il territorio in autonomia.

 

La speciale escursione di sabato si è sviluppata dal mattino con partenza da Casale Monferrato in Piazza Castello per transitare da San Giorgio M.to, Ozzano M.to e Ponzano M.to. Prima sosta presso il Sacro Monte di Crea -  inserito nei Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia,  e  anch’esso, oltre a il “Monferrato degli Infernot”, Patrimonio Unesco - dove i partecipanti hanno potuto visitare il Santuario della Madonna, alcune Cappelle e ristorarsi presso il Ristorante di Crea.  Successivamente si è fatta tappa a Moncalvo per uno dei panorami, quello dal torrione del Castello, tra i più affascinanti di tutto il Monferrato.

Si è proseguito quindi attraverso Grazzano Badoglio e Vignale M.to fino a Camagna per una breve sosta presso i murales, quindi passaggio per Frassinello M.to e Olivola prima della visita all’Infernot Roggero di Ottiglio, ancora transito per Sala M.to e quindi sosta prolungata a Cella Monte per l’Ecomuseo della Pietra da Cantoni per concludere infine con il transito per Rosignano M.to, Terruggia e il ritorno a Casale M.to nel pomeriggio.

 

Faceva parte del programma della giornata anche un piacevole appuntamento enogastronomico a cura del “Catering di Mon.D.O.” che, con una proposta mirata alla ristorazione tipica e di qualità ha fatto apprezzare agli ospiti manicaretti, salumi, formaggi, vini e distillati locali con il coordinamento di Palazzo Paleologi  – Antico Monastero Ristorante di Lu e la presenza di prodotti dal Salumificio Miglietta di Serralunga di Crea, Cascina Valeggia di Moncalvo e Distilleria Magnoberta dal 1918 di Casale Monferrato.

Durante la piacevole visita al territorio, da alcuni ospiti conclusa con un passaggio alle mostre al Castello del Monferrato (che permarranno per il  periodo di  Expo 2015,  fino al  1° novembre), si è svolta anche una tappa all’Azienda Agricola la Cà Nova di Cella Monte, per un altro momento di ristoro e la visita all’ultimo infernot di giornata.

Photogallery di Giacomo Pasino